FRATELLI D’ITALIA: LIBERI, ONESTI, DECISI

Milano, Tatro Nuovo - presentazione del movimento

Milano, Teatro Nuovo, 13 gennaio

 ”Per noi la buona politica è un titolo di merito, così come lo è l’impegno sociale, in particolare su alcune priorità. Uno dei temi centrali della campagna è l’impegno sul terreno della sicurezza e dell’anti-criminalità. Tre parole: liberi, onesti e decisi. E quando diciamo onesti non è qualcosa di generico, significa che nelle nostre liste si entra solo dopo il vaglio di un comitato etico, il cui presidente è Antonino Cusumano, presidente di Corte d’Assise e già procuratore capo di Monza. Il vaglio prevede che si possa escludere anche solo per motivi di opportunità e che non possa essere candidato chi è stato condannato per reati infamanti anche solo in primo grado”.
“Per La Destra di Storace, massimo rispetto e amicizia ma non vogliamo essere coloro che ricordano o che sono chiusi in un recinto. Saremo il seme di un nuovo centrodestra”.
“I rapporti con Maroni sono ottimi, io negli ultimi 15 giorni mi sono sentito 8 volte con lui. Questa storia un po’ costruita giornalisticamente che dovevamo cambiare nome è finita in una bolla di sapone anche perché per la Lombardia, come per il Lazio e il Molise, la nostra lista si chiamerà “Fratelli d’Italia per la Lombardia”. Se mi si chiede quali garanzie chiede il movimento alla Lega Nord, rispondo che le garanzie le chiediamo agli elettori, dipenderà da quanti voti avremo, come avviene in democrazia. I calcoli, gli accordi, le intese sotto banco le lasciamo agli altri”.
“L’obiettivo elettorale? Partiamo ora. Il 7%. La metà del potenziale massimo che ci attribuiva il sondaggio di Mannheimer”.


   MILANO, PRESENTAZIONE MOVIMENTO – GUARDA IL VIDEO