L’UOMO

Sono nato a Paternò (CT), una bella cittadina alle pendici sud ovest dell’Etna, il 18 luglio del 1947. Non ci abiterò a lungo, perché mio padre Antonino, senatore dell’ Msi ed avvocato, negli anni 60 trasferisce la famiglia a Milano. La Sicilia e le mie origini rimarranno, comunque, sempre un punto di riferimento.

Da papà eredito la passione per la giustizia e per l’impegno civico. Dopo gli studi in un college di St. Gallen, nella Svizzera tedesca, conseguo la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Pavia e comincio a fare politica attiva in Lombardia.

Sulla scia di quel senso di partecipazione provato a dieci anni durante il mio primo comizio  la passione per la politica diventa militanza. L’occasione furono le elezioni comunali e mio padre mi fece salire sul palco insieme a lui.

Gli anni 70 e 80 sono intensi, pieni di mutamenti sociali e politici, e mi trovano in prima fila nella difesa dei valori della Destra. La politica, però, non mi distrae dai miei obblighi professionali; costruisco con rigore e impegno la mia carriera di avvocato penalista, patrocinante in Cassazione. Sono orgoglioso essere stato difensore di parte civile nei processi per l’assassinio di Sergio Ramelli a Milano e Giuseppe Mazzola e Graziano Giralucci a Padova ad opera delle Brigate Rosse.

Sono sposato e padre di tre ragazzi, Geronimo, Lorenzo Cochis e Leonardo Apache (che si nota che sono un appassionato di storia delle Tribù indiane d’America?)

Nel frattempo percorro tutte le tappe della politica, dai movimenti studenteschi al consiglio regionale, dal Parlamento italiano all’attività di Governo.

Nella pagina dedicata alla mia attività politica potrete trovare informazioni più dettagliate.

Un’ultima nota la dedico alle mie passioni: gli Indiani, come già detto, il cinema e l’Inter, naturalmente.

Ignazio La Russa