Elezioni/ Bersani è il vero sconfitto. Fratelli d’Italia? Abbiamo realizzato un miracolo

«Non c’è stata nessuna grande vittoria della sinistra, per di più Bersani e Monti escono ambedue sconfitti da questo confronto. In ogni caso non è un’ammucchiata che può rispondere ai problemi d’Italia». Lo ha detto Ignazio intervenendo a Sky Tg 24, in un primo commento sulle elezioni .

Sul movimento Cinque Stelle La Russa ha ribadito che «tocca ora ai grillini dimostrare, se ne sono capaci, di avere un progetto. Ad oggi il loro voto e’ piu’ un segnale di rifiuto che di proposta. Sono riusciti a raccogliere sentimenti diffusi fra gli italiani come, ad esempio, il desiderio di avere liste pulite sui cui anche noi di Fratelli d’Italia abbiamo cercato di dare un contributo”.

Per quanto riguarda il risultato della lista Fratelli d’Italia Ignazio ha sottolineato: «abbiamo realizzato un vero miracolo: nonostante la scarsa visibilità e i pochi mezzi in 40 giorni Fratelli d’Italia ha ottenuto il 50 per cento dei voti della Lega e ha raccolto più consensi dell’UDC e di Ingroia (con Di Pietro). Di Fini meglio non parlarne..»..

BERSANI HA PAURA DEL CONFRONTO TV?

th-2“La verita’ e’ che Bersani ha paura di un confronto”. Cosi’ Ignazio La Russa sulle condizioni poste da Pierluigi Bersani per un confronto tv tra i candidati. “Dovrei essere favorevole all’allargamento a tutti, cosi’ andiamo anche noi- — ha detto La Russa, alla presentazione dei candidati emiliani di Fratelli d’Italia  —  ma in realta’ sarebbe stato corretto che Bersani dicesse si’ al confronto con Berlusconi. Sono i due principali capi-coalizione. Ma ha avuto paura, pazienza”.

MPS: Bersani violento, spieghi anziché “sbranare”

monte-dei-paschiPier Luigi Bersani dovrebbe dare “spiegazioni” sulla vicenda Monte dei Paschi di Siena anziché usare parole “violente”.
Lo ha detto Ignazio La Russa, tra i fondatori del movimento Fratelli d’Italia: “Bersani vuole ‘sbranare’, verbo di inusitata violenza, chi vuole la verita’ sul Montepaschi. Il nervosismo del Pd dimostra che l’inchiesta ha toccato un nervo scoperto sul rapporto tra la banca rossa e i vertici della sinistra. Sta per scoperchiarsi un pentolone. Bersani spieghi i conti del suo partito più che sbranare”

AVEVANO UNA BANCA? GLI STRANI CONTI DI BERSANI E MONTI

Secondo Ignazio La Russa, fondatore del Movimento Fratelli d’Italia-Centrodestra nazionale, è inaudita la gravità del “buco” di oltre 700 milioni nelle casse del Mps e del prestito di 3,9 miliardi allo stesso Istituto. Monti, Grilli e Bersani devono dare spiegazioni aggiunge La Russa. In particolare il segretario del Pd, dice, è chiamato a fare luce sulla vicenda dal momento che il suo partito ha sempre avuto, attraverso la Fondazione Mps, un ruolo chiave nelle nomine ai vertici della banca.

“FASCISTA? PER ME E’ UN COMPLIMENTO – LO DISSERO ANCHE A MONTANELLI !”

Dall’intervista di P. Bracalini su Il Giornale del 28 agosto

‘Fascista!’, epiteto che La Russa, nei suo decenni di militanza prima Msi poi An quindi Pdl, ha sentito spesso (“Prima, però, ora sempre meno”), stavolta non arriva al solito indirizzo ma a quello di Beppe Grillo e al suo movimento Cinque Stelle, anche se dal mittente tradizionale. Qualche consiglio, da veterano, a Grillo? “Gli direi di rispondere così a Bersani: ‘Piano con i complimenti’”.
Onorevole, ‘fascista’ un complimento…
“Perché è in ottima compagnia. La sinistra ha dato del fascista ai partigiani bianchi, ai liberali, persino ad alcuni socialisti, tutti quelli che non stavano dalla loro parte. Diede del fascista anche a Indro Montanelli. Prima che le Brigate Rosse gli sparassero alle gambe, la sinistra parlamentare scatenò una campagna politica contro Montanelli a colpi di ‘dagli al fascista’. Quindi a Grillo hann fatto un complimento. Quando non sanno cosa dire o temono qualcuno, gli danno del ‘fascista’”. [Read more…]