“SE MONTI STACCA, NON LO TRATTENIAMO”

Ignazio La Russa

dall’intervista di A. Cangini su QN del 23 luglio

Onorevole La Russa, si voterà senz’altro nel 2013 o c’è qualche possibilità che le elezioni siano anticipate all’autunno?
“Esiste un margine i dubbio legato esclusivamente alle parole di Mario Monti. E’ stato lui a dire che per i mercati la democrazia è una seccatura e l’incertezza del risultato elettorale un problema”.
Dunque?
Se Monti dicesse che al’Italia serve concluder anticipatamente la legislatura e che lui intende togliere il disturbo anzitempo, non saremmo noi a trattenerlo”.
Riusciamo a dire una parola definitiva sul tormentone riguardo la candidatura d Berlusconi?
E’ tutto chiaro. Berlusconi ha chiaramente espresso la volontà di candidarsi, le illazioni dipendono solo dal fatto che la sua candidatura non è stata formalizzata dal partito”. [Read more...]

“IL PREDOMINIO DELLA TECNOCRAZIA FINIRA’, IL PDL E’ SOLIDO, AVANTI CON LE RIFORME”

una copertina del Secolo d'Italia

una copertina del Secolo d'Italia

Dalla manifestazione per i 60 anni del Secolo d’Italia tenutasi a Milano il 1 aprile

“Prima di tutto, piena solidarietà ai nostri  marinai prigionieri in India. Non smetteremo di stargli accanto fin  quando non saranno riportati in Italia”.
“Tornando alla politica: il proliferare, soprattutto al Nord, delle liste civiche in vista delle prossime elezioni amministrative non rischiano assolutamente di far esplodere il Pdl. La tradizione delle liste civiche ha sempre accompagnato prima della nascita del Pdl, specie per Forza Italia ma anche per An, le elezioni  amministrative. Poi se qualcuno, che è il solito malpancista di sempre, cerca questa volta di veicolarsi mettendo un nome alla propria personale  insofferenza o incapacità, questo e’ un piccolo fatto nuovo ma il  dato che emerge è molto chiaro: il Pdl di Alfano e Berlusconi e’ molto solido. Noi abbiamo l’intenzione di rilanciare, di far crescere, di continuare a far diventare ogni giorno più forte il Pdl che ha altre aspirazioni e chi ha altre insofferenze si accomodi pure. Riguardo la riforma della legge elettorale, si deve cambiare [Read more...]

“LEGA DA SOLA? CE NE FAREMO UNA RAGIONE”

calderoli-bossi-la-russa-

Da Agenzie Stampa

“Se la Lega va da sola ce ne faremo una ragione. Non è la prima volta che succede. Ci sono sempre state delle eccezioni in cui la Lega correva da sola, io credo che questa volta sarà così in molte più città. Ricordo però che in Lombardia noi abbiamo vinto senza la Lega, loro non ricordo senza di noi. Sull’ipotesi che il Pdl possa appoggiare i candidati del Carroccio al secondo turno, sicuramente è possibile, se la Lega farà lo stesso con i nostri, che saranno quelli più numerosi ad andare al ballottaggio. Bossi trasferisce nel territorio le divisioni tra Lega e Pdl sul governo Monti. Se sarà così il Pdl sarà compatto e si alleerà con i cittadini per vincere. Mi dispiace perché avremo meno chance, così come le avrà la Lega e mi dispiace per i cittadini del Nord a cui Bossi dice di tenere ma solo a parole e non  nei fatti. Noi non cambiamo linea, noi vogliamo unire tutti quelli che sono alternativi alla sinistra. Se poi la Lega, facendo un errore che danneggia soprattutto il Nord, decide di rompere le alleanze noi cercheremo di vincere alleandoci coi cittadini. La Lega è un partito localistico, noi invece abbiamo sulle spalle il dover dare soluzioni. Noi saremo pronti fino alla fine a trovare alleanze con la Lega. Senza la Lega possiamo innalzare il valore dell’unità nazionale, possiamo meglio dimostrare chi siamo. Il danno non è a noi, il danno è alle città del nord. Cercheremo di rimediare alleandoci con la società”.

“VERGOGNOSE LE PAROLE DELLA LEGA SU ALFANO”

Roma-20-marzo-2010-La-Russa-e-Alfano

da Agenzie Stampa del 5 febbraio

”Per uno come me che si considera milanese al 100%, perché ho fatto politica a Milano fin da ragazzo, viene da vergognarsi a leggere le dichiarazioni di Calderoli su Alfano. E’ una sciocchezza dire che non può essere candidato del Pdl perché siciliano. Non appoggiare il governo Monti è una posizione legittima, seppur propagandistica, ma la Lega sta superando anche quel perimetro di interventi a cui ci aveva abituati e che era già molto ampio. Già avevano fatto riferimento a piazzale Loreto, poi siamo passati a qualcosa che è più sciocco e decisamente anti-storico come contestare ad Alfano la possibilità di leadership perché siciliano. Mi viene da sorridere pensando che la moglie di Bossi è siciliana e quello che per alcuni è il delfino del partito, il figlio, è per il 50% siciliano. Ma al di là della battute, vorrei tornasse forte lo spirito di lealtà della Lega che li ha portati a dare apporto al federalismo solidale, alle necessità di Napoli, a Roma capitale, al ponte sullo Stretto. Sta a loro decidere se isolarsi”.

“E’ NECESSARIO RIEQUILIBRARE IL RAPPORTO TRA NOI E MONTI…”

thumbnailCAR6SKPV

Dall’intervista di A. De Angelis su Il Riformista del 27 gennaio

Anche se Berlusconi ha escluso che staccherà la spina, assicurando sostegno a Monti, per La Russa è troppo alto il prezzo che sta pagando il Pdl. E la Lega non c’entra: “Non prendo per buone le parole di Bossi perché non sono diverse da un mese fa o una settimana fa. Nella sostanza ci chiedono di uniformarci alle loro scelte, i toni poi sono altro. Io non li criminalizzo anche se ho trovato inaccettabili le dichiarazioni su Berlusconi”.
Sta porgendo l’altra guancia?
Assolutamente no. Però le rovescio il ragionamento. Le elezioni erano la cosa più logica, ma questo passaggio di governo tecnico sta mostrando che il problema per lo spread non era Silvio Berlusconi. Esattamente quello che diceva anche la Lega. Bossi deve esserci grato, se lo avessimo seguito non sarebbe stato così evidente il dato”. [Read more...]