FdI: da Milano parte il cantiere della Destra. Con Giorgia

th-1

 

Nasce il ‘cantiere’ per riunificare la
destra italiana e dar vita a un nuovo centrodestra, capace di
intercettare i tanti voti persi nelle ultime tornate
elettorali. L’iniziativa, promossa da Fratelli d’Italia,
prendera’ il via anche in occasione delle ‘Giornate Tricolore’.
L’operazione, spiegano i fondatori di Fratelli d’Italia, vede
in Giorgia Meloni il perno su cui si basera’ il rilancio: “E’
il volto cui affidiamo la nostra immagine”, afferma Ignazio La
Russa in conferenza stampa. “L’alternativa a Renzi – dice Guido
Crosetto – pensiamo possa essere per tutti Giorgia”. Ma guai,
avvertono, a parlare di “operazioni nostalgia”, di ritorni al
passato. “Nove milioni di persone che non votano
piu’ il Pdl non sono mica ‘pizza e fichi’. Ci rivolgiamo a
loro”. Lo ha detto il deputato di Fratelli di Italia Massimo
Corsaro in una conferenza stampa con Ignazio La Russa e Guido
Crosetto alla Camera dei Deputati. “Quello che e’ chiaro – ha
detto Ignazio La Russa – e’ che noi abbiamo individuato Giorgia
Meloni come leader della fase fondatrice della nuova
piattaforma. Offre un riferimento preciso e una buona
prospettiva”. Gli esponenti di Fdi si ritroveranno tutti a
Milano venerdi’ e sabato per le “Giornate tricolore”, occasione
per un dibattito sulle idee e sul progetto politico, dal
presidenzialismo alle politiche fiscali, con ospiti il ministro
Gaetano Quagliariello e Giulio Tremonti. “Questa piattaforma -
annuncia Crosetto – vuole offrire dei contenuti di cui la
destra e il centrodestra devono occuparsi. Portare all’ordine
del giorno l’interesse Nazionale in Europa. Parlare di
sicurezza, cittadinanza. Noi siamo il partito che ha chiesto di
inserire il limite del 40% per il prelievo fiscale. Lo Stato
deve darsi dei limiti. Ci rivolgiamo anche al popolo della Lega
che al nord vale almeno il 30%. Vogliamo dare un aiuto al
centrodestra per farlo vincere. Essere un partito che cresce in
una coalizione che perde non ci interessa”, ha concluso
Crosetto”.

A Roma, sit-in davanti ad Equitalia. Per la difesa del lavoro e del risparmio

th

thContinua la mobilitazione contro il governo Monti e le sue politiche fiscali. Oggi, giovedì 31 gennaio, sit-in  di Fratelli d’Italia davanti alla sede romana di Equitalia. Partecipano Ignazio La Russa, Fabio Rampelli e altri esponenti del movimento. Appuntamento alle ore 15 in via Giuseppe Grezar. Vi aspettiamo!

Punti fermi: Secessione? No, grazie. Coalizioni e governi tecnici? Mai più

th 14-20-34Ignazio La Russa dice no a ipotesi di grandi coalizioni o accordi post elettorali. «Se si creassero le condizioni per un’ammucchiata  Bersani-Berlusconi o per una super-ammucchiata con Monti,  noi staremo all’opposizione», afferma il cofondatore di Fratelli d’Italia a il Corriere.it.

«Non vorrei che dietro l’indecisione sul candidato premier del centrodestra ci fosse, sotto sotto, il desiderio di fare valutazioni successive», sottolinea La Russa che assicura «se il pdl scegliesse di fare una nuova ammucchiata noi staremo all’opposizione».

Quanto alla Lega Nord, La Russa ha ricordato «finchè ci siamo noi ogni idea di seccessione deve essere accantonata. Con Roberto Maroni abbiamo discusso e convenuto sulla necessità di dare nuova forza e  a tutte le Regioni. Allo stesso tempo nessuno deve mettere in discussione l’indipendenza e l’unicità della Patria»

 

 

 

 

Nel segno di Pinuccio

th-1

th-1«Fratelli d’Italia è un movimento nuovo ma anche grande. Gli ultimi sondaggi ci danno in forte crescita. L’obiettivo del 4% è ormai alla nostra portata e in Parlamento porteremo le nostre istanze per il nostro no al governo tecnico e al Monti Bis». Lo ha detto Ignazio La Russa, fondatore del partito ‘Fratelli d’Italià in una conferenza stampa a Bari. La Russa è capolista in Puglia alla Camera per Fdi. La Russa ha motivato la sua candidatura in Puglia come un debito di riconoscenza per Pinuccio Tatarella «che è stato – ha detto – il mio amico, il mio fratello maggiore e il mio referente politico nel Msi e in An». In sala era presente anche la moglie dello scomparso leader politico, Angela.

Ilva, noi con i lavoratori

th

th«Sull’Ilva tutto si può fare, tranne far perdere il lavoro ai lavoratori». Lo ha detto Ignazio La Russa, capolista di Fratelli d’Italia in Puglia, spiegando in un incontro a Bari la posizione di Fratelli d’Italia sul lancinante dibattito sul futuro del siderurgico jonico. «L’Ilva è simbolo di un amore tradito e di troppe questioni inascoltate, ma nulla – ha concluso – può essere anteposto alle aspettative dei lavoratori di non perdere il pane per la propria famiglia».