“Pronti a colpire ma non faremo raid sulle città”

da  La Repubblica

ROMA – “Ora dovranno cambiare i nostri assetti, manderemo sempre dei Tornado ma di altro tipo, adatti a colpire bersagli al suolo con dei missili di precisione. Ma non attaccheremo mai, ripeto mai, obiettivi militari dentro le città”. Ignazio La Russa spiega il cambiamento della missione italiana sulla Libia , annunciato ieri sera dopo una telefonata tra Berlusconi e Obama. [Read more…]

LIBIA:LA RUSSA A GATES, NO A NUOVI ASSETTI. LA SOLUZIONE DELLA CRISI E’ POLITICA

(ANSA) WASHINGTON.  E’ stato ”un incontro amichevole” durante il quale e’ uscito ”rafforzato l’asse di collaborazione e amicizia tra Italia e Usa sul piano politico e della difesa” ma al segretario Usa alla Difesa, Robert Gates, che chiedeva un ”allargamento” dell’impegno italiano nelle popolazioni militari in Libia, il ministro Ignazio La Russa ha detto di no: ”Non forniremo altri assetti perche’ non siamo secondi a nessuno negli assetti che gia’ mettiamo a disposizione. [Read more…]

“Non bombarderemo”

Roma, 15 APR (Il Velino) – “In Cdm, l’orientamento che e’ stato espresso e’ quello di mantenere gli assetti come da tempo la Difesa ha proposto sin da quando abbiamo deciso di mettere a disposizione gli Ecr, anziche’ i tornado muniti di bombe. Sara’ questo l’orientamento che seguiremo, con rispetto delle opinioni altrui. Non avremo un armamento diverso degli aerei, e non useremo in maniera diversa gli aerei stessi”. Lo dichiara il ministro della Difesa Ignazio La Russa, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Libia, la Nato insiste ancora ma l’Italia frena: “Bombardamenti? Siamo molto riluttanti”

da IL Giornale

 

“C’è stata chiesta una maggiore partecipazione ai bombardamenti in Libia, ma da parte nostra c’è riluttanza”. Così il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, parlando a Montecitorio. La Russa ha sentito al telefono il segretario di Stato alla Difesa americano, Bob Gates, che incontrerà lunedì prossimo, a Washington. Il ministro ha spiegato di aver rimandato a dopo l’incontro con Gates colloqui con i ministri della Difesa francese ed inglese, previsti in queste ore. [Read more…]

Più sicurezza per i contingenti italiani

di Ignazio La Russa

Il bilancio della missione italiana in Afghanistan è positivo, con riconoscimenti che ci giungono da molte parti: il più importante è quello della popolazione afgana per il nostro atteggiamento e per la ricostruzione che stiamo portando avanti. Poi c’è quello della comunità internazionale e dei Paesi alleati e amici, che condividono con i nostri militari l’impiego in Afghanistan e ne apprezzano la professionalità. Un esempio su tutti è rappresentato dagli istruttori dell’Arma dei Carabinieri che stanno facendo un gran lavoro nella formazione della nuova polizia afgana. [Read more…]