LA RUSSA A LAMPEDUSA: AUMENTEREMO I VOLI DI RIMPATRIO

Il Ministro della Difesa Ignazio La Russa durante la visita a Lampedusa

Il Ministro La Russa, in visita ieri a Lampedusa, si è complimentato con le forze dell’ordine impegnate nell’emergenza immigrazione. “Desideravo ringraziare quanti sono qui da tanto tempo – ha detto – e portare loro la gratitudine, la solidarietà, la vicinanza mia e del Governo. Questi ragazzi sono la dimostrazione di come si possa pretendere il rispetto delle regole, con grande umanità, vicinanza e solidarietà verso chi soffre”.

Ha inoltre rinfrancato l’amministrazione locale garantendo di essere venuto a conoscenza dal Ministro Maroni e dal Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta di nuovi accordi raggiunti con il governo tunisino. ” Ho avuto un lungo colloquio con Maroni e Letta e posso confermarvi che il ministro degli Interni ha realizzato un accordo con i tunisini per mandare in una settimana nel loro paese, con la piena collaborazione delle autorità, chi non ha diritto a restare in Italia. C’è una perfetta intesa con le autorità tunisine “. 

Il ministro della Difesa ha posto l’accento su come si possa “entrare in Italia attraverso i flussi regolari. Tante volte – ha detto – ci sono ragazze e ragazzi tunisini che seguendo il flusso normale potrebbero trovare posto, e lavoro in Italia. Invece si affidano ai mercanti di uomini, con grande pericolo per la loro vita. Con grande disagio per noi, e spesso tornando a casa da rimpatriati coatti“.
La Russa ha inoltre ricordato come attualmente “non ci sono arrivi libici“. “Chi arriva, viene dalla Tunisia, e anche quando partono dalla Libia sono tunisini e non libici. Questo è un dato da tenere presente e spiega perché il numero dei rifugiati, considerati tali, sia relativamente basso”.
Durante la visita a Lampedusa il Ministro della Difesa ha effettuato un sopralluogo al Centro di Contrada Imbriacola avvicinando gli immigrati lì ospitati. “Ho chiesto se le condizioni fossero buone – ha detto La Russa – e tenuto conto delle circostanze non hanno avuto motivo di lagnarsi. E per me questo è importante”.

“Pronti a colpire ma non faremo raid sulle città”

da  La Repubblica

ROMA – “Ora dovranno cambiare i nostri assetti, manderemo sempre dei Tornado ma di altro tipo, adatti a colpire bersagli al suolo con dei missili di precisione. Ma non attaccheremo mai, ripeto mai, obiettivi militari dentro le città”. Ignazio La Russa spiega il cambiamento della missione italiana sulla Libia , annunciato ieri sera dopo una telefonata tra Berlusconi e Obama. [Read more…]

Nessun consigliere militare per gli insorti in Libia, dall’Italia solo istruttori.

A proposito del ruolo che avranno in Libia gli istruttori inviati dall’Italia, il Minstro della Difesa Ignazio La Russa ha oggi precisato che i timori per la possibilità che siano consiglieri militari sono del tutto infondati.  Parlando con i giornalisti, ha affermato che ” in Libia invieremo semplicemente degli istruttori con il compito di addestrare gli insorti, persone ricchissime di entusiasmo ma poveri di esperienza.” [Read more…]

LIBIA:LA RUSSA A GATES, NO A NUOVI ASSETTI. LA SOLUZIONE DELLA CRISI E’ POLITICA

(ANSA) WASHINGTON.  E’ stato ”un incontro amichevole” durante il quale e’ uscito ”rafforzato l’asse di collaborazione e amicizia tra Italia e Usa sul piano politico e della difesa” ma al segretario Usa alla Difesa, Robert Gates, che chiedeva un ”allargamento” dell’impegno italiano nelle popolazioni militari in Libia, il ministro Ignazio La Russa ha detto di no: ”Non forniremo altri assetti perche’ non siamo secondi a nessuno negli assetti che gia’ mettiamo a disposizione. [Read more…]

“Non bombarderemo”

Roma, 15 APR (Il Velino) – “In Cdm, l’orientamento che e’ stato espresso e’ quello di mantenere gli assetti come da tempo la Difesa ha proposto sin da quando abbiamo deciso di mettere a disposizione gli Ecr, anziche’ i tornado muniti di bombe. Sara’ questo l’orientamento che seguiremo, con rispetto delle opinioni altrui. Non avremo un armamento diverso degli aerei, e non useremo in maniera diversa gli aerei stessi”. Lo dichiara il ministro della Difesa Ignazio La Russa, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.